Login

Hai dimenticato la password?

Registrazione

Informazioni sulla registrazione

Tutte le informazioni inserite all'interno di questo modulo sono ritenute strettamente confidenziali. Abilitando la casella, dichiari di aver preso visione dell'Informativa di cui all'art.13 D.Lgs.196/03 e di accettarla.

Informativa di cui all'art.13 D.Lgs.196/03

Nel rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali, La informiamo che All in Trapani.it, all'atto dell'iscrizione necessita solo dell'inserimento di un indirizzo di posta elettronica e di un nome utente a Sua scelta. I dati forniti da Lei o da altri soggetti, sono solo quelli strettamente necessari e sono trattati solo con le modalità e procedure - effettuate anche con l'ausilio di strumenti elettronici - necessarie per i servizi forniti da All in Trapani.it, anche quando comunichiamo a tal fine alcuni di questi ad altri soggetti connessi ad un eventuale rapporto di lavoro di carattere temporaneo o continuativo, in Italia o all'estero; per taluni servizi, inoltre, utilizziamo soggetti di nostra fiducia che svolgono per nostro conto, in Italia o all'estero, compiti di natura tecnica, organizzativa e operativa. I suoi dati possono inoltre essere conosciuti dai nostri collaboratori specificatamente autorizzati, in qualità di Responsabili o Incaricati, a trattarli per il perseguimento delle finalità sopraindicate.
I Suoi dati non sono soggetti a diffusione. Lei ha diritto di conoscere, in ogni momento, quali sono quelli archiviati presso di noi, la loro origine e come vengono utilizzati; ha inoltre il diritto di farli aggiornare, rettificare, integrare o cancellare, chiederne il blocco ed opporsi al loro trattamento.
Sulla base di quanto sopra, iscrivendosi al servizio, Lei esprime il consenso al trattamento dei dati (eventualmente anche sensibili) effettuato su All in Trapani.it, alla loro comunicazione ai soggetti sopraindicati e al trattamento da parte di questi ultimi.

Condizioni di utilizzo

E' necessario essere maggiorenni per poter utilizzare il servizio. L'utente è direttamente responsabile della sicurezza della propria password.

L'utente è direttamente responsabile dei contenuti che inserisce sulle pagine di All in Trapani.it e delle azioni che compie sul sito.

Gli articoli pubblicati su All in Trapani.it sono segnalati dagli utenti senza alcun controllo preventivo da parte della Redazione. All in Trapani.it non è responsabile in alcun modo dei commenti scritti dai singoli utenti, in quanto non viene eseguito alcun filtro preventivo alla loro pubblicazione.

La Redazione di All in Trapani si riserva di eliminare e bloccare senza preavviso commenti e segnalazioni considerate offensive, illegali, a carattere pornografico, spam o comunque non in linea con le policy di All in Trapani. Ed inoltre di modificare a propria discrezione i titoli, le descrizioni e i link delle segnalazioni, qualora questi rappresentino un chiaro abuso del servizio, delle policy o siano causa di problemi per il sito stesso.

La Redazione di All in Trapani si riserva infine di modificare le condizioni di utilizzo senza preavviso, notificandone la modifica attraverso email o articoli sul proprio Blog.




Invio
Chiesa S. Maria del Soccorso (Badia Nuova. Via Garibaldi).

Chiesa S. Maria del Soccorso (Badia Nuova. Via Garibaldi).

by Salvatore Di Fazio

In: Storia

comments

Una delle tre chiese che il gran Belisario fondò a Trapani nel 536 fu senza dubbio la chiesa di S. Sofia, chiesa di rito greco, ove i monaci greci di S. Basilio somministravano gli spirituali sacramenti non solo ai loro connazionali, che dimoravano in questa città, ma a quegli altri che per motivi di commercio vi capitavano. A fianco di questa chiesa nel 1129 fu innalzata una torre che, secondo alcuni, fu ritenuta una delle cinque, dalle quali la città prese le sue insegne.

Nel 1461 il cav. Giacomo Pepe, ricco e generoso cittadino, sui delubri della vecchia chiesa e della vecchia torre, intraprese a proprie spese la fabbricazione della chiesa e del monastero di S. Maria del Soccorso, volgarmente detto la badia Nuova. Finita la fabbrica il fondatore chiamò a dirigere il monastero alcune monache di S. Caterina da Palermo. Poscia le monache furono poste sotto l'ordine di S. Domenico.

Chiesa e monastero furono dotati di due rispettabili fondi rustici, l'uno detto Lummari, l'altro Burgensatico o Castel-Monaco.

Dell'antica chiesa di S. Sofia non rimase che un piccolo quadro, che sino a pochi anni fa ammiravasi nella cappella di S. Maria del Soccorso. La Madonna del soccorso, che è posta in una apposita nicchia sulla porta principale, è di Giuseppe Milanti, fratello di Cristoforo.

La chiesa venne consacrata nell'anno 1640 e fu la prima delle chiese di Trapani ad ottenere questo privilegio. Si compone essa di cinque altari, tutti adornati di finissimi marmi con gran parte del nostro bravo artista Federico Siracusa.

Sull'altare maggiore si ammira un bellissimo quadro in pittura della Madonna del Rosario, ritenuta opera di Roberto Borromanzi: rappresenta la madonna seduta, portante sul braccio sinistro il Bambino Gesù, mentre colla mano destra porge la corona del Rosario A San Domenico, che le sta inginocchiato da un lato;dall'altro lato vi è inginocchiata Santa Caterina da Siena in atto di pregare. Il volto della Madonna pieno di amore e di dignità, i morbidissimi atteggiamenti di lei e dei santi e l'insuperabile composizione dei colori ci fanno a ragione ritenere essere questa una delle pitture della nostra città. Nella stessa tela, attorno al volto della Vergine e del bambino vi sono dipinti diversi quadrettini raffiguranti i misteri del Rosario.

A destra dell'altare maggiore vi è l'altare della Madonna del soccorso, eseguito su disegno del celebre architetto Giovanni amico, il quale volle illustrarlo nel 2° volume del suo Architetto Pratico: i lavori di marmo incrostati a rilievo sono ad opera del cennato Siracusa e la statua della madonna e di Cristoforo Milanti. Questa Madonna porta al braccio sinistro il Bambino e colla mano destra impugna una mazza per fiaccare la cervice di Asmodeo, che le sta sotto e pare voglia mordere il dito ad un altro bambino, il quale cerca soccorso e si nasconde sotto le vesti della vergine. Tanto il capo della Madonna che quello del figlio portano la corona d'argento all'imperiale.

Fa seguito a questo altare quello di S. Domenico con quadro di Pietro Novelli, detto ilmonreale: rappresenta S. Domenico in atto di leggere il verso 6 del cap. 50 dell'Ecclesiastico, che gli presenta un angelo.

A sinistra dell'altare maggiore vi è l'altare di Maria SS. Della guida con un quadro di essa santa di mezzana grandezza. Anche questo altare e tutto rivestito di marmi a rilievo e a mezzo rilievo.

Nell'altare di S. Caterina da Siena si ammira il quadro di Andrea Carreca, stato giudicato bellissimo anche dai profondi conoscitori dell'arte: S. Caterina, sostenuta da due angeli dalle grandi ali e dai volti vezzosissimi è in estasi per la contemplazione di Gesù Cristo.

Sono pure degni di ammirazione gli ornati e le quattro figure di stucco che sostengono i due organi della chiesa.

Sopra la volta vi è unsotto in su rappresentante una visione di S. Tommaso d'Aquino, opera pregevole di Andrea Carreca, ma, come disse uno storico, insultata da un ritocco moderno.

Meritano in fine di essere osservati il pavimento della chiesa e la sagrestia, nella quale si conservano alcuni ritratti di monache, che vissero in quel monastero e un armadio di noce lavorato ad intaglio.

Distruggere questa chiesa sarebbe non soltantoun insulto all'arte, ma anche un vero atto vandalico, essendo stata ad oggi ben mantenuta, e noi vogliamo augurarci che essa venga conservata e trasformata in un piccolo museo di oggetti sacri.

Fonte: Tratto dalla Guida di Trapani, di Marco Augugliaro del 1914.

Lascia un Commento

Storia

Storia sui luoghi della provincia di Trapani.
Vai alla categoria

Sapevi che...?

Curiosità su personaggi o fatti del territorio.
Vai alla categoria

Cucina

Ricette tipiche del territorio trapanese.
Vai alla categoria

Sport

Lo sport in provincia di Trapani.
Vai alla categoria

Altro

Altri articoli.

Vai alla categoria

Le ricette di MaEl

Le ricette creative di una trapanese in cucina.
Vai alla categoria